Mercoledì 27 Febbraio 2019
 Home SMSD - Eventi - QUEL CHE È IMPOSSIBILE AGLI UOMINI È POSSIBILE A DIO 
QUEL CHE È IMPOSSIBILE AGLI UOMINI È POSSIBILE A DIO   versione testuale
In cammino verso il Natale con don Marco Passi
P. Cavallini,1291, S. Maria in Trastevere, Roma
P. Cavallini,1291, S. Maria in Trastevere, Roma






Oh, figlia, quanto è mai lontana la luce dalle tenebre, la verità dalla menzogna, il vero bene dal male, il tutto dal niente, il mio Dio da me. Prendiamo dunque coraggio e andiamo in cerca di Lui, mentre natura e ragione e fede ci aprono il vasto campo a questo cammino. Ricordiamo però sempre che, essendovi fra Dio e noi una distanza infinita, nulla vale ogni nostro sforzo se egli non viene in cerca di noi, e qui è tutto il nostro conforto, mentre voi, o figlia benedetta, lo vedete venire dal celeste Padre, nato bambino fra le braccia della divina Madre, voi lo vedete con tutte le attrattive dell’amore venir in cerca di voi per dimorare nel vostro cuore e dargli riposo. Questa è verità di fede. Voi dunque dopo l’atto della fede, passerete alla speranza, indi alla carità, e così diviene facilissima l’unione con Dio, quantunque sia vero ciò che abbiamo detto superiormente dell’infinita distanza che passa fra di noi. Quel che è impossibile agli uomini è possibile a Dio.
Se è una verità che Dio è infinitamente superiore, è una verità egualmente che Iddio si è tanto abbassato che si è fatto uomo. Sono riunite due nature in una sola Persona. Ecco Gesù Verbo, Dio e Uomo. Con questi pensieri l’anima è nutrita divinamente e nel suo nulla vede il suo tutto, e confessando la sua incapacità esclama: Fecit potentiam in brachio suo; e vedendo l’uomo che da sé non ha potuto crearsi, vede che Dio non solo l’ha creato uomo, ma in certa guisa lo ha creato Dio avendo Iddio assunto l’uomo. Con queste verità confortate il vostro spirito e ricordatevi che Dio è carità, e chi vive nella carità è in Dio, e Dio in lui. Vivete figlia nella carità e vi basti. State nella stanza, nella carità, cioè nel divin Costato, e sia questa dimora il vostro Paradiso. Qui non vi ha nulla di fantastico né alcuno di inganno. Amate, dice S. Agostino, e fate come volete. 

don Marco Passi, lett. 27