MEX: la gratitudine il filo rosso di un’amicizia inaspettata

Ero alla ricerca di un’attività che potesse essere valida come stage, avevo il vivo desiderio di “stare sul campo”, capire meglio cosa significasse “cooperazione internazionale”, ma la situazione sociale non era ancora sicuramente delle migliori. Trovare uno stage formativo e inerente con il percorso di studi sembrava un’impresa impossibile. 

 

Inizia così il racconto di Gloria e della sua “amicizia” con il PIME e il Centro pastorale dell’Università Cattolica del Sacro Cuore. Un legame che per diversi anni si è intrecciato con lo stesso desiderio di altri giovani e con l’esperienza dei membri dell’équipe. Un’amicizia inaspettata, la definisce Gloria, forse anche per le tante sorprese che questo percorso le ha riservato.

 

Oggi Gloria, guardando a questi anni con animo lieto, riconosce che il filo rosso di questa amicizia è la gratitudine per i doni ricevuti che le hanno permesso, come diceva il beato Pier Giorgio Frassati, di vivere e non vivacchiare.

 

Per leggere il racconto della sua esperienza, clicca su: https://drive.google.com/file/d/1OdQm5a6rZdkFwfi5dNPdPw23EoOv2HkB/view?usp=share_link