Calcinate: CONOSCERE IL PASSATO…PER CAPIRE IL PRESENTE E ORIENTARE IL FUTURO

In un bel pomeriggio di sole, martedì 7 giugno, alla luce di questo messaggio, abbiamo concluso i nostri incontri, come Cooperatori dell’Opera di Santa Dorotea, nel santuario di Cortenuova (Bg). Nella bella chiesa di Santa Maria del Sasso del 1180 si trovano le reliquie di due giovani martiri: Irene di 9 anni e Anatolia di 11, provenienti dalle catacombe di San Callisto e donate da Papa Gregorio XVI a don Luca e a don Marco. È stato proprio bello pregare davanti all’urna delle “SANTINE”, come le chiamava il beato Luca, respirando anche l’aria di casa perché le reliquie sono state venerate nella villa dei Passi dal 1837 al 1890. Il beato Luca sollecitava spesso suore e laici alla devozione delle giovani martiri celebrando molte volte la Messa al loro altare, come si legge in alcune sue lettere. Le reliquie sono celate dentro statue di cera e collocate in un’urna di cristallo dove ci sono anche le due lapidi con incisi i nomi e un’ampolla contenente il loro sangue. Nella nostra preghiera è stata presente anche la “Famiglia Dorotea” perché insieme, suore e cooperatori, possiamo continuare a valorizzare ciò che abbiamo ricevuto come dono prezioso per edificare un futuro bello e buono per le giovani generazioni.

 

Cooperatori di Calcinate

 

Ti possono interessare...