Convitto Santa Chiara: I MOMENTI TRASCORSI INSIEME

Al termine dell’anno accademico, nella calda serata del 17 maggio, il Convitto Universitario Santa Chiara si è rivelato nuovamente luogo di iniziativa, crescita e divertimento.
Dapprima, durante la S. Messa, Don Giovanni Milesi ci ha invitate a riflettere su quanto possa influire la nostra presenza in una comunità, che deve ambire a trovare la calma e la serenità della Pace. Dopodiché è stata letta una preghiera:
“Signore, ti presentiamo questi piccoli doni…
Desideriamo siano il segno di quanto in questo anno abbiamo vissuto qui in convitto, ma anche qualcosa di più… ci siamo viste, incontrate; con alcune abbiamo intessuto legami di amicizia, di bene; con altre no, non conosciamo neppure loro nome.
Eppure un anno è trascorso….qui insieme.
Signore, te lo presentiamo perché nel bene e nel male, nella gioia e nel dolore, nella fatica e nell’audacia possa essere trasformato in ricchezza.
Che questi piccoli doni, che al termine della festa ci doneremo reciprocamente, possano essere il segno di bene desiderato e condiviso per ciascuna. Augurio per chi resta e per chi andrà, presente di gioia e futuro di speranza per tutte noi.”
Al termine della Messa ci siamo riunite nella corte e tra le note dei cantanti del momento e di canzoni del passato cantate a squarciagola abbiamo assaporato un’ottima pizza e dolci tipici provenienti da varie regioni d’Italia. I balli scatenati e i il karaoke ci hanno fatto tornare bambine e per qualche ora ci hanno regalato i momenti di tranquillità che poco prima Don Giovanni ci aveva augurato di trovare. Insieme a noi anche le Suore si sono lasciate trasportare dalla giovialità della situazione e sugli accordi di Adriano Celentano ci hanno dedicato la commovente canzone Il ragazzo della via Gluck.
A fine serata ci siamo scambiate i doni, ma il dono migliore resterà il ricordo dei momenti trascorsi insieme.

 

Alice Beschi

Ti possono interessare...