15-16 maggio 2021: un fine settimana per introdurci all’arte della relazione con Dio

WhatsApp notifica nuovo messaggio da: Suor Sonia.

È così che abbiamo avuto l’invito di passare un giorno ed una notte per “Nutrire il cuore … Introduzione alla preghiera”. Ed eccoci in auto guidati dal navigatore verso Bovegno: due coppie di sposi che colgono l’occasione per staccare dal lavoro, dalla casa e dai figli e pensare a sé stessi, al proprio modo di dialogare con Dio. Una chiacchiera tira l’altra ed in un batter d’occhio siamo arrivati, e guidati da Suor Grazia chiamata al telefono (meglio del navigatore), giungiamo a destinazione. Un posto magnifico, rilassante ed invitante al raccoglimento al primo sguardo. Le suore accolgono ognuno di noi con un caldo e sincero sorriso che ben dispone il nostro cuore e ci guidano alle camere che ci ospiteranno.

Con un leggero ritardo rispetto alla tabella di marcia prevista da Suor Sonia, inizia il primo momento di incontro. Nell’aria si respira proprio la voglia di ascoltarla e nessuno rimane deluso. Parole e modalità di linguaggio che arrivano a toccare l’animo dell’ascoltatore producendo reazione, interesse, voglia di seguire i suoi consigli perché si vuole provare la stessa gioia che da lei traspare, generata dall’incontro vero e personale con Dio.

Ognuno di noi passa i propri momenti di silenzio e dialogo con Dio, cercandoLo e … trovandoLo: nel paesaggio, nelle persone che si incrociano e con le quali si scambia un silenzioso sguardo di comunione, ed ancora più preziosamente dentro sé stessi. Sicuramente ognuno di noi ha vissuto una preghiera sincera, densa di Amore dato e ricevuto, e trascritta sul quadernetto da rileggere a casa nei giorni che verranno, nel momento in cui si sentirà il desiderio di rivivere l’emozione provata.

Quando ascolto chi parla accolgo la persona che sta parlando… È importante discernere chi ascoltare… Dio si serve di qualcuno per dirci una Parola che può sconvolgerci, cambiare o confermare i nostri piani, che però è sempre una Parola per la vita.

Un sincero grazie di cuore per l’opportunità che ci avete dato di far entrare Cristo nella nostra vita in un modo nuovo seppure conosciuto, riscoprire il valore e piacere della preghiera, dialogo diretto con Dio. È Lui che sceglie: si tratta di riconoscersi scelti per qualcosa di bello e rispondere. Ognuno di noi ha la possibilità di dire SI a Dio, che sta alla nostra porta e bussa: non entra con forza ma attende che siamo noi ad aprirgli per farlo entrare, perché desidera restare con noi… Non dobbiamo avere paura: nella Bibbia c’è un “NON TEMERE” rivolto a noi per ogni giorno dell’anno…

Ringraziamo Dio per avervi posto sul nostro cammino.

Fabio e Giusi, Mauro ed Alessandra.

******

Signore oggi voglio ringraziarti per questa esperienza. Voglio ringraziarti per la possibilità di aver potuto contemplare la bellezza della natura, dono Tuo. I monti e le colline, il cielo e le stelle, il giorno e la notte, il sole e la luna.

Qui ho potuto riposare di un riposo interiore, dove è il cuore che parla. E il mio cuore riflette su una parola “ECCOMI”. Lo straordinario ma nello stesso tempo “semplice” eccomi che Maria ha detto a Te.

Ti ringrazio per aver bussato alla mia porta in cerca del mio “eccomi”. Un eccomi che non sempre è stato in grado di accogliere la Tua volontà. Un eccomi di sposa e di madre che a volte ha sofferto, ha pianto, ha rinnegato la Tua volontà. Ma Tu Signore hai perseverato e non mi hai abbandonato.

Aiutami a cercarTi nelle piccole e grandi cose della vita, e non stancarti di bussare alla porta del mio cuore.

Grazie Signore.

Ti possono interessare...