18 ottobre: FESTA DI SAN LUCA EVANGELISTA

CON LUI RACCONTIAMO L’AMORE DI DIO AI FRATELLI

 

La festa di san Luca evangelista ci aiuta a far memoria del dono della Bella Notizia dell’amore di Dio Padre per tutti gli uomini in modo particolare per i piccoli, gli ultimi, i poveri. Lo conosciamo come autore del terzo vangelo e come il narratore, negli Atti degli Apostoli, della vita delle prime comunità. Grazie ai suoi scritti possiamo contemplare la misericordia e la compassione di Dio e possiamo accogliere la Sua azione sorprendente all’inizio della chiesa. Nella celebrazione liturgica della sua vita e della sua missione evangelizzatrice ricordiamo i tanti annunciatori di Vangelo che hanno accompagnato, lungo il cammino della vita, uomini e donne in cerca di speranza e di amore.
Luca verso la fine del suo Vangelo narra, con tocco d’artista, una scena indimenticabile: il Risorto che si avvicina ai due discepoli sulla strada di Emmaus e cammina al loro fianco spiegando le Scritture fino al gioioso riconoscimento. Con il Risorto, diventate uno in Lui, altre guide ci hanno accompagnato, Don Luca Passi che porta il nome di questo grande annunciatore è una di queste. Il suo ardore, la sua instancabile passione per Parola da spezzare e donare a tutti l’hanno reso apostolo missionario in tante città e luoghi. A lui e a san Luca evangelista affidiamo il desiderio di trovare insieme ai laici “strade che evangelizzano i contesti di vita e raccontiamo l’amore di Dio ai fratelli”.

In “Nutrire lo Spirito” possiamo leggere alcuni passaggi della vita del beato Luca Passi missionario e apostolo infaticabile.